Category Archives: GEBETSLIGA DI  PIACENZA

“1917-2017 CARZANO – Un tentativo di sfondamento in Trentino a un mese da Caporetto”

  Il CIRCOLO UNIFICATO MILITARE di PIACENZA

                    unitamente al “Comitato 18 Settembre 1917” di Carzano (TN)

                    e alla Delegazione di Piacenza della Gebetsliga Carlo d’Asburgo

                            nell’ambito delle rievocazioni a studio della Grande Guerra

INVITANO all’incontro sulla vicenda bellica conosciuta come

“Sogno di Carzano – Gen. Cesare Pettorelli Lalatta Finzi”

                                               Sarà presentato il recente libro

“1917-2017 CARZANO – Un tentativo di sfondamento in Trentino a un mese da Caporetto” ed.Gaspari UD 2017  (autori P.L.Briganti, M.Cimmino, P.Degan, L.Salerno, M.Dossena, R.Giust Bordoni, L.Girotto)

Seguirà la visione del documentario

“CARZANO 1917 – Un ‘Sogno’ perduto nel Trentino della Grande Guerra”

                              Presentano: Pierluigi Briganti e Marco Cimmino

                                  Coordina: Maurizio Dossena

 Parteciperà una rappresentanza del “Comitato 18 settembre 1917” fra cui gli Autori, la Presidente e il Sindaco di Carzano.

Circolo Unificato Militare di Piacenza – via Romagnosi 41

sabato 17 febbraio 2018 – ore 10

S.MESSA per il quinto ANNIVERSARIO della DELEGAZIONE PIACENTINA – 9 gennaio

 KAISER KARL GEBETSLIGA            DELEGAZIONE  di  PIACENZA       

Unione di preghiera Beato Carlo d’Asburgo per la pace e la fratellanza tra i popoli    _____________________________________________________________________________________

AL QUINTO ANNO DI VITA DELLA NOSTRA DELEGAZIONE

   Cari amici della Gebetsliga di Piacenza,

mentre consegniamo alla Storia anche questo 2017 non privo, purtroppo, di eventi negativi per la vita dell’uomo, per la pienezza della famiglia naturale e cristiana, per il sostegno ai veri diritti e alla piena dignità di una società ad autentica misura d’uomo, di eventi anche violenti e di persecuzione per i cristiani, i cattolici e per la religione in genere, di guerre e insicurezze, di falsi progressi e di passi “avanti” su una certa evidente via della decadenza, ma popolato anche  – grazie a Dio e agli uomini di buona volontà: realismo non significa certo cupo pessimismo! – di fatti di grande portata civile e culturale, così come da umili e semplici testimonianze di oscuri ma grandissimi discepoli del Figlio di Dio, passiamo – dal punto di vista della nostra Gebetsliga – da un glorioso evento celebrativo – l’anniversario dell’incoronazione del Beato Imperatore Carlo, il nostro modello, 30 dicembre 1916,   101 anno fa – ai più modesti, ma per noi gagliardi, cinque anni di vita della nostra Delegazione piacentina ( 9 gennaio 2013 ).

   Ricorderemo l’evento con la S.Messa, celebrata, alle ore 19 del 9 gennaio in S.Giorgino in Sopramuro, dal nostro Assistente Don Romano Pozzi, con il rito (riformato: come sapete, le nostre celebrazioni avvengono sia secondo questo rito sia secondo quello tridentino lungo l’anno) secondo il proprio del Beato Carlo. Canteremo il Te Deum e sarà impartita la Benedizione Eucaristica con la Sacra Reliquia del Beato Imperatore.

   Ci troveremo, nei locali di S.Giorgino, alle ore 18,30 con tutti gli iscritti per un saluto, per raccogliere gli spunti di tutti riguardo al costituendo programma dell’anno 2018, per rinnovare le quote d’iscrizione 2018, per conoscere – speriamo – nuovi compagni di percorso, nuovi amici.

   A presto!   Maurizio

TRIDUO in preparazione al SANTO NATALE

 KAISER KARL GEBETSLIGA            DELEGAZIONE  di  PIACENZA       

Unione di preghiera Beato Carlo d’Asburgo per la pace e la fratellanza tra i popoli    _____________________________________________________________________________________  TRIDUO in preparazione al   SANTO NATALE 2017

   Cari amici della Gebetsliga,

anche quest’anno scegliamo, come importante iniziativa di spiritualità del mese di dicembre, un TRIDUO in  preparazione al SANTO NATALE, che torniamo a offrire al Rex Venturus, Salvatore dell’Umanità-

   In questo TRIDUO faremo le letture liturgiche del giorno; i canti saranno sostenuti dalla Schola cantorum di S.Giorgino, che ogni mercoledì sera si trova a coltivare il canto gregoriano e a rapportarlo alle occasioni previste dalla liturgia.

GIORNI del TRIDUO:

  • martedì 19 – ore 18-19                        Alma Redemptoris Mater
  • mercoledì 20 – ore 21-22                    Adoro Te devote
  • giovedì 21 – ore 18-19                         Regem venturum Dominum

Vi aspettiamo, dunque, e insieme aspetteremo il Redentore!

________________________________________________________________________

Il Delegato Maurizio Dossena                                      L’ Assistente Ecclesiastico Don Romano Pozzi

Presentazione bolognese dello studio sul fatto bellico di Carzano (TN) – 1917-2017

Sabato 25 novembre 2017, con inizio alle ore 16,00, nel salone d’onore del Circolo Unificato dell’Esercito di Bologna (Via Marsala, 12),ha avuto luogo, con la straordinaria partecipazione della Banda Folcloristica di Telve (TN), il preannunziato incontro con il “Comitato 18 settembre 1917,” presieduto dalla Signora Piera Degan– gemellato con questo Centro dal 29.11.2014 – per ricordare il “Centenario” del fatto d’armi di Carzano del 18 settembre 1917. In tale occasione verranno presentati, finanziati dalla Provincia Autonoma di Trento:

–       Il libro “1917 – 2017 CARZANO” – Un tentativo di sfondamento a un mese da Caporetto – Gaspari Editore – Udine 2017, scritto dai componenti del Comitato ( fra cui il Delegato della Gebetsliga di Piacenza Prof. Maurizio Dossena, componente il Comitato )

–       Un DVD sul fatto d’armi di Carzano nel quale figurano anche interviste ad alcuni componenti del Comitato;

    Nel quadro di tale manifestazione, alla quale è intervenuto anche il Sindaco di Carzano, Signor Cesare Castelpietra, è giunto a Bologna, alle 10,30 del mattino, unitamente ai componenti del Comitato, la Banda Folcloristica di Telve (TN), diretta dal Maestro Prof. Marco Zanetti, che dalle ore 11,30 alle ore 12,30, dopo aver sfilato, suonando, per Via Indipendenza, ha tenuto in Piazza Maggiore un breve concerto per poi rientrare al Circolo Unificato alle 12,30 ed esibirsi, in concerto, alle ore 18,00, nel salone d’onore del Circolo.

    Complessivamente sono giunte a Bologna, provenienti dal trentino, circa 80 persone, tra componenti del Comitato e Banda, a cui si aggiungeranno altri partecipanti (orientativamente una ventina) provenienti da Trento, Verona, Bergamo, Milano , Piacenza, Vicenza, Bolzano, Belluno  delle quali si fa riserva di comunicare l’esatto numero.

   E’ intervenuto anche un drappello di “Tiroler Kaiserjäger” di Jenbach (A) con bandiera al comando dell’Hauptmann Hans Pixner.

Adorazione Eucaristica – incontro su Attilio Mordini

NG – incontro su Mordini KAISER KARL GEBETSLIGA            DELEGAZIONE  di  PIACENZA       

Unione di preghiera Beato Carlo d’Asburgo per la pace e la fratellanza tra i popoli    _____________________________________________________________________________________

martedì 21 novembre p.v.

MOMENTO di SPIRITUALITA’ per il mese di NOVEMBRE

e INCONTRO CULTURALE ASSOCIATIVO

 nella ricorrenza liturgica della PRESENTAZIONE DI MARIA VERGINE  

Adorazione Eucaristica silenziosa da parte degli iscritti e degli amici   nella chiesa di San Giorgino in Sopramuro dalle ore 20 alle ore 21.

A SEGUIRE, alle ore 21, presso i locali di S.Giorgino, Giuseppe DOSSENA ricorderà la figura, il pensiero e gli scritti del compianto scrittore cattolico Attilio MORDINI Barone di Selva, grande estimatore dell’Imperatore Carlo d’Asburgo, a mezzo secolo dalla prematura scomparsa.     

______________________________

ATTILIO MORDINI E LA SUA POSIZIONE DI CORAGGIOSO CATTOLICO DEL PENSIERO NON UNICO

Rievocato, a 51 anni dalla scomparsa, presso la Gebetsliga Carlo d’Asburgo

Doverosa  rievocazione, a mezzo secolo dalla prematura scomparsa, del valoroso scrittore e saggista cattolico fiorentino Attilio Mordini, Barone di Selva.

L’evento ha avuto luogo nei locali di S.Giorgino in Sopramuro, proprio non lontano da dove Mordini s’incontrò, nei primi anni sessanta, con un gruppo di giovani che allora si ponevano, con impegno e dedizione, il problema della cultura cattolica già sottoposta a quel violento attacco che avrebbe poi portato Papa Paolo VI a parlare di “autodemolizione della Chiesa” e di “fumo di Satana” attraverso le fessure di una vita ecclesiale già in crisi di malinteso processo post-conciliare, quello di cui oggi – nonostante gli altrettanto forti moniti dei Pontefici successivi – vediamo ormai le macroscopiche degenerazioni. Quel gruppo sarebbe diventato poi il primo nucleo di Alleanza Cattolica.

Mordini – come afferma lo storico Oscar Sanguinetti – ebbe una posizione “rigorosamente cattolica, con ricchezza e qualità di riferimenti religiosi, filosofici, storici e politici” che ne sostanziavano la sua posizione e il suo impegno, “rendendolo immune – e rendendo immune il suo entourage – dalle suggestioni dei ‘cattivi maestri’ del progressismo cattolico, morti alla speranza teologale” ma anche “dall’attrattiva delle false luci di quel falso tradizionalismo ‘pagano’ allora in ascesa negli ambienti della destra italiana” su posizioni mazziniane e gentiliane, che erano stati anche i peggiori ispiratori del Fascismo.

La rievocazione piacentina di Attili0 Mordini è stata tenuta dal Prof.Giuseppe Dossena, il quale ha fatto rivivere con emozione e ammirazione il pensiero dello scrittore, il suo coraggio ideale unito a grande rispetto della Chiesa e delle persone, ma anche capace di prender posizione con coerenza, anche a costo di contrasti, una posizione che creò a lui non pochi avversari ma anche tanti ammiratori, lettori, emuli. Ha scritto molto Mordini nella sua breve esistenza – Dossena ha ricordato le sue opere, con particolare riferimento a “Il tempio del Cristianesimo” e a “Dal mito al materialismo” –, e ha lasciato anche diversi inediti.

Un dettaglio paradigmatico della sua lucidità e del suo obbediente rispetto insieme. Quando venne la riforma liturgica e anche il passaggio dalla Messa in latino a quella in volgare, egli paragonò la cosa a un malato necessitante di trattamento a ossigeno: difficile dire che ciò non sia necessario per il bene del paziente, ma assurdo anche dire che la bombola di ossigeno sia un bene in sè.

La serata su Mordini è stata organizzata dalla Delegazione piacentina della “Gebetsliga Carlo d’Asburgo”, quale omaggio a colui che, con più di quarant’ anni di anticipo sulla beatificazione dell’ultimo Imperatore nel 2004, già ne poneva una dedica sul suo citato saggio “Il tempio del Cristianesimo”, con l’epigrafe “a  Carlo d’Asburgo, Imperatore santo”.

Maurizio Dossena – Delegato Gebetsliga PC

nelle foto alcuni momenti della serata su Mordini in S.Giorgino e un’immagine storica del 1965: lo scrittore a Piacenza, insieme col Dott.Carlo Emanuele Manfredi

                                      

S.Messa col proprio liturgico del Beato Carlo, in ricorrenza anniversaria

 KAISER KARL GEBETSLIGA            DELEGAZIONE  di  PIACENZA       

Unione di preghiera Beato Carlo d’Asburgo per la pace e la fratellanza tra i popoli    ______________________________________    giovedì 26 ottobre  –  ore 18

Mese di Ottobre dedicato alla  Vergine Maria del Rosario

Chiesa di San Giorgino in Sopramuro     S.Messa celebrata da Don Romano Pozzi secondo il proprio del Beato Carlo d’Asburgo

Il mese di ottobre è dedicato al Santo Rosario e all’impegno missionario. Il  7 ottobre abbiamo festeggiato la Madonna del Rosario.  Il 13 ottobre è l’anniversario dell’ultima apparizione della Madonna di Fatima in cui avvenne il Miracolo del sole. Il 21 ottobre, quest’anno sabato, si celebra la memoria liturgia del Beato Carlo d’ Austria voluta da San Giovanni Paolo II nel giorno  del matrimonio con la Serva di Dio Zita di Borbone Parma il 21 ottobre 1911 ( Il proprio della Messa del Beato Carlo si trova sul sito nella sezione devozione)

Rievocazione anniversaria Conte Arch.Manfredo Emanuele Manfredi

Manfredo Manfredi NGManfredo Emanuele MANFREDI

incontro su Manfredo MANFREDI

 RICORDATO L’ARCH.PIACENTINO MANFREDO MANFREDI, CO-PROGETTISTA

                                      DELL’ALTARE DELLA PATRIA

Ricordato, a novant’anni dalla morte, un nome importante della cultura piacentina a livello nazionale, l’Arch. Conte Manfredo Emanuele Manfredi (1859-1927), appartenente a famiglia da diverse generazioni benemerita per motivi culturali e civici. Lo hanno ricordato insieme le Delegazioni piacentine dell’Istituto Nazionale delle Guardie d’Onore per le Reali Tombe del Pantheon e della Gebetsliga Carlo d’Asburgo, col Patrocinio del Comune di Piacenza, in un incontro presso l’Ist.”Tramello” di Piacenza, durante il quale sono intervenuti, oltre ai referenti locali e regionali delle due Delegazioni ( Dionigi Ruggeri, Daniele Tizzoni, Maurizio Dossena ), il nipote del celebre Architetto piacentino Dott. Carlo Emanuele Manfredi e l’Arch. Valeria Poli: dal primo un ricco excursus biografico, che ha toccato tutte le tappe del prestigioso iter professionale, artistico e accademico di Manfredo Manfredi, a cui dobbiamo cospicuo intervento progettuale ed esecutivo dell’Altare della Patria ( il Monumento al re Vittorio Emanuele II o Vittoriano ) e delle Tombe Reali al Pantheon, oltre a molti importanti lavori artistici in altre città; l’Arch.Poli ha poi ricordato il contesto culturale del periodo, coi riferimenti ai modelli intellettuali e accademici e ai relativi percorsi istituzionali, dentro ai quali il Manfredi ebbe posto di onorato rilievo.

Il doveroso e sentito evento rievocativo si pone nell’ottica della valorizzazione delle cospicue peculiarità culturali della nostra Città, un obiettivo a cui il mondo intellettuale piacentino sta dando ampio impegno in sintonia con un programma a cui le stesse Istituzioni tendono in concreto.

L’Arch. Manfredo Emanuele Manfredi

Nella foto allegata (foto M.Dossena) i relatori del convegno su Manfredo Manfredi

 

Presentato il volume “Carzano 1917 – 2017, un tentativo di sfondamento in Trentino a un mese da Caporetto – Ed. Gaspari UD

Carzano 1917-2017 – a cura del Comitato Carzano 18 settembre 1917 – Ed.Gaspari UD – 1 Carzano 1917-2017 – a cura del Comitato Carzano 18 settembre 1917 – Ed.Gaspari UD – 2 Carzano 1917-2017 – a cura del Comitato Carzano 18 settembre 1917 – Ed.Gaspari UD – 3Il volume, frutto di intenso lavoro di ricerca a cura del “Comitato Carzano 18 settembre 1917”, soddisfa al duplice obiettivo della verità storica e della riconciliazione fra ex nemici, due componenti essenziali del clima che si respira nella simpatica cittadina della Valsugana teatro del tragico evento di un secolo fa e nelle celebrazioni che vi hanno luogo ogni anno. Obiettivi e  sentimenti che sono certo quelli della Gebetsliga, che a Carzano vive in clima di reciproca amicizia.

Un grazie particolare a Piera Degan, Presidente del Comitato e grande organizzatrice degli eventi carzanesi.

Maurizio Dossena – Componente il Comitato

( in link le copertine del volume e i suoi curatori )