Norme di autoregolamentazione per l’ Italia

gebetsligaREGOLAMENTO DI AUTODISCIPLINA DELLA DELEGAZIONE ITALIANA DELLA GEBETSLIGA

Approvato il 7 Gennaio 2011

Aggiornato il 1 Luglio 2015

 

La delegazione italiana della Gebetsliga è stata costituita dopo la nomina a Delegato di Don Arnaldo Morandi, sacerdote della diocesi di Brescia, da parte di Sua Ecc. Rev. Ma Mons. Bernard Franck, Vescovo del Granducato di Lussemburgo, in data 25 Novembre 2008 col permesso all’Ordinario Diocesano di Brescia, Sua Ecc. Rev.Ma Mons. Luciano Monari che ha provveduto ad ufficializzarla tra le nomine pubblicate sulla rivista diocesana. In data 7 Gennaio 2011, don Arnaldo è stato nominato assistente nazionale e dal 10 Marzo 2015 è stato nominato canonicamente vicepostulatore nella Causa di Canonizzazione del Beato Carlo.

La Gebetsliga italiana, sezione della Gebetsliga internazionale, aderisce pienamente allo statuto ed è in piena comunione di intenti e di azione, vedi comma 1, 2, 3 dello statuto generale.

  • La Gebetsliga italiana, nel pieno rispetto e in comunione di valori e di azione con la Gebetsliga internazionale prende atto e accetta tutte le altre norme statutarie.
  • La Gebetsliga italiana sente altresì la necessita di darsi norme di autoregolamentazione interna per l’applicazione dello statuto generale e per il conseguimento degli obbiettivi statutari.
  • L’ organizzazione in Italia si chiama indistintamente Gebetsliga…, oppure: Unione di Preghiera Beato Carlo per la Pace e la Fratellanza tra i Popoli.

 

 

NORME DI AUTOREGOLAMENTAZIONE PER L’ ITALIA

 

1) CONSIGLIO DI DELEGAZIONE

Il delegato nazionale potrà avvalersi del consiglio consultivo dei delegati e degli assistenti spirituali provinciali.

 

2) RAPPRESENTANZE PROVINCIALI

Il delegato nazionale individua a sua discrezione persone rispettabili e cristianamente irreprensibili, quali rappresentanti provinciali laici della Unione di Preghiera.

  1. a) La rappresentanza provinciale sarà istituita, con il permesso dell’Ordinario del luogo, quando ci sarà la certezza di un gruppo consolidato di aderenti che si impegnino a condividere le finalità della Associazione.
  2. b) La costituzione della rappresentanza sarà preceduta da un evento, conferenza, convegno, mostra ecc. e da una solenne celebrazione Eucaristica in onore del Beato Carlo, per farne conoscere la testimonianza e diffonderne la devozione.
  3. c) Il rappresentante provinciale avrà diritto di partecipare alle riunioni del Consiglio nazionale quando ne venissero indette.
  4. d) Sarà importante, in ogni rappresentanza provinciale, individuare un

Sacerdote o Religioso, indicato dal Vescovo o proposto ad Esso, in qualità di assistente spirituale con lo specifico compito di accompagnare i membri dell’associazione e di promuovere la devozione nelle forme stabilite dallo Statuto generale e in conformità alle norme e disposizioni generali della S. Chiesa.

  1. e) Il rappresentante provinciale si potrà avvalere di un consiglio di rappresentanza, con carattere consultivo, che lo coadiuvi nella gestione e diffusione dell’associazione.
  2. f) Dove sarà ritenuto opportuno, si individuerà una sede per il culto, da preferirsi chiese di monasteri o congregazioni, piuttosto che parrocchie, disponibili ad esporre stabilmente, alla venerazione, l’immagine e l’eventuale Reliquia del Beato Carlo e ad accogliere la celebrazione della S. Messa mensile o veglia di preghiera, come prevede lo statuto generale.

La nomina del rappresentante provinciale o la sua dimissione dipendono esclusivamente dal delegato nazionale.

  1. g) I gruppi provinciali saranno costituiti come associazioni provate di fedeli con il palcet dell’Ordinario del luogo.

 

3) ADESIONE ALLA GEBETSLIGA

  1. a) Non ci sono limitazioni di adesione alla Gebetsliga, purché siano adesioni personali e libere. Il candidato potrà essere presentato dal rappresentante provinciale, laddove la rappresentanza sia già istituita, o rivolgersi direttamente alla delegazione nazionale laddove sul territorio di residenza del candidato non sussista una rappresentanza istituita.
  2. b) Il candidato dovrà dichiarare per iscritto e firmare la propria adesione alla unione di preghiera, affermando di aver preso visione dello statuto generale e del regolamento di autodisciplina per l’ Italia e di condividerne i fini, accettando di perseguirli nei modi indicati dagli organi responsabili in sede internazionale e nazionale
  3. c) La delegazione, si premurerà di spedire al domicilio del nuovo membro della Unione di Preghiera, un diploma ufficiale di adesione e la rosetta, con

effigiata la croce coronata di spine della quale fregiarsi nelle manifestazioni

della Unione di preghiera, oppure quando e dove lo si ritenga opportuno.

La rosetta sarà obbligatoria nei raduni incontri o celebrazioni promosse dalla associazione.

  1. d) Durante le S. Messe promosse dalla Unione di Preghiera, potranno anche essere ricordati, nel suffragio, i membri defunti e i benefattori.
  2. e) La dimissione dalla pia unione potrà avvenire per libera scelta dell’interessato comunicandola alla delegazione. In altri casi per gravi motivi, le dimissioni potranno essere attuate dal delegato nazionale

 

4) TESORERIA

  1. a) L’ Unione di Preghiera Beato Carlo per la Pace e la Fratellanza tra i Popoli, è una associazione privata di fedeli senza scopo di lucro.

Le risorse economiche per sostenere le attività di promozione eventi: conferenze, sito internet, convegni, celebrazioni ecc., nonché pubblicazione di materiale divulgativo, immaginette e oggetti, legati al culto del Beato Carlo, saranno reperite attraverso libere donazioni e offerte di fedeli.

  1. b) Attualmente le offerte si effettueranno attraverso una ricarica su carta postepay presso qualsiasi ufficio postale o tramite internet, sulla carta N° 4023 6009 3582 4286, intestata a Morandi Arnaldo, si raccomanda di avvisare dell’avvenuto accredito tramite mail.

Nulla vieta che le rappresentanze provinciali promuovano campagne o iniziative per autofinanziare le attività culturali e religiose, si chiede tuttavia che ne sia sempre informato il delegato nazionale.

5) SITO INTERNET

Il sito internet: www.beatocarloinitalia.it è il sito ufficiale e la piazza virtuale di incontro per tutti i membri della Gebetsliga senza escludere ospiti e interessati all’argomento.

Il sito è redatto e gestito direttamente dal delegato nazionale nel rispetto delle leggi e le norme che tutelano il diritto di privacy in Italia, ed è il luogo delle comunicazioni ufficiali di tutte le rappresentanze provinciali