Tag Archives: beato Carlo

30 dicembre 2017, S. Messa mensile in memoria del beato Carlo

La S. Messa in memoria del beato Carlo per la Gebetsliga di Cremona verrà celebrata sabato 30 dicembre alle ore 16 presso la chiesa intitolata alla Beata Vergine Lauretana e S. Genesio (nella foto), piazza Cappellani Caduti 3, Borgo Loreto, Cremona.

L’11 novembre a Cremona si parla del Beato Carlo e della massoneria

Sabato 11 novembre alle ore 15 siete tutti invitati al convegno dal titolo “I ‘no’ del Beato Carlo d’Asburgo alla massoneria“, promosso presso la sede dell’Adafa, in via Palestro 32, a Cremona.

Dopo un’introduzione generale, affidata al dott. Mauro Faverzani, interverranno l’avv. Mario Carotenuto, Ambasciatore del Sovrano Militare Ordine di Malta presso la Repubblica araba d’Egitto, e mons. Arnaldo Morandi, assistente nazionale della Gebetsliga Kaiser Karl.

Estendete l’invito ad amici, familiari e simpatizzanti!

28 ottobre 2017, S. Messa mensile in memoria del beato Carlo

La S. Messa in memoria del beato Carlo per la Gebetsliga di Cremona verrà celebrata sabato 28 ottobre alle ore 16 presso la chiesa intitolata alla Beata Vergine Lauretana e S. Genesio (nella foto), piazza Cappellani Caduti 3, Borgo Loreto, Cremona.

5 settembre 1939: nasce Rodolfo, il sestogenito di Carlo e Zita

Il 5 settembre 1919 vide la luce il sesto figlio del beato Carlo e di sua moglie Zita, Rodolfo. In quel momento la coppia imperiale si trovava in esilio presso villa Prangins, sul lago di Ginevra: trascorreva molto tempo con i bambini, intraprendeva escursioni nei dintorni, lunghe gite, uscite in sci, ma anche visite ad Asburgo, il castello storico della Dinastia, dove il primogenito, Otto, raccolse con passione piccoli ciottoli per la sua collezione di minerali. L’Imperatore in esilio, per la prima volta, ebbe l’opportunità di occuparsi in prima persona dell’educazione dei suoi figli, un’educazione conforme ai programmi austriaci e ungheresi (cfr. Stephan Baier-Eva Demmerle, Otto d’Asburgo-La biografia autorizzata, Edizioni Il Cerchio, Rimini 2006, pag. 36, traduzione italiana di Mauro Faverzani).