Monthly Archives: Gennaio 2019

Incontro venerdì 4 gennaio 2019

Il primo venerdi del mese, come è consuetudine si è riunito il gruppo della gebetsliga di Brescia nella parrocchia di San Gottardo. E’ stato esposto il Santissimo Sacramento e recitato il Santo Rosario abbinando ad ogni decina una intenzione di preghiera. Don Arnaldo Morandi, che presiedeva la veglia, ha tenuto un pensiero anche in ricordo della bella testimonianza di Monsignor McKay, membro della gebetsliga recentemente scomparso. Dopo un momento di adorazione personale e pubblica è stata poi impartita la benedizione eucaristica.

Newsletter Gennaio 2019

Domenica 30 dicembre, festa della Santa Famiglia, il Signore ha chiamato a sé Mons. Gerard Mckay, Prelato Uditore presso il Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica.

Mons. Gerard Mckay, di origine scozzese, era un caro amico, mio e di moltissime persone sia a Brescia, sia a Roma e in tanti altri luoghi. Godeva della stima e dell’affetto di tanti.

Membro della prima ora della Gebetsliga italiana, fu uno dei primi ad aderirvi nel lontano 2007. Molto tempo prima fu lui a parlarmi del beato Carlo e della serva di Dio Zita, con toni entusiastici e devoti; solo in seguito – dopo l’incontro con l’Arciduca Rodolfo, figlio della coppia imperiale, e della di lui figlia l’Arciduchessa Catharina – compresi chiaramente la testimonianza di Mons. Gerard ed ebbi poi modo, in più di un’occasione, di manifestargli la mia gratitudine.

Mons. Gerard amava la Chiesa e il delicato ministero che era stato chiamato a svolgere a Roma al servizio della Santa Sede e non si risparmiò mai, dedicandovi ogni sua energia e vivendo con grande semplicità e sobrietà. 

Venne colpito qualche anno fa e non certo in età avanzata, da una terribile malattia che affrontò con coraggio, fede e serenità, continuando a lavorare al servizio della Chiesa e del Papa. Con l’aggravarsi del male continuò a lavorare dal suo appartamento presso il Vaticano e soltanto nell’ultimo anno accettò di tralasciare ogni occupazione per dedicarsi alle cure.

Lo incontrai l’ultima volta il 9 novembre 2016 era già molto provato ma sapendo che il Santo Padre aveva concesso l’udienza privata alla Gebetsliga, alla quale poi lui non riuscì a presenziare, mi chiese di favorirgli un incontro con l’Arciduca Martino d’Austria-Este, cosa che avvenne il giorno prima dell’udienza.

Mons. Gerard insistette per averci ospiti e quando lo incontrammo fui molto impressionato dalle sue condizioni: non lo vedevo da qualche tempo ma si capiva che soffriva moltissimo; nonostante ciò fu amabilissimo, persino allegro e dialogò a lungo con l’Arciduca Martino, insistendo con lui e con me sull’importanza di mettere la famiglia al centro dell’attenzione e della preghiera della Gebetsliga per intercessione del Beato Carlo e della Sua sposa Zita.

Prima di lasciarci, quasi con timidezza, chiese all’Arciduca Martino di poter avere un ricordo della sua nonna, l’Imperatrice Zita, desiderio al quale l’Arciduca acconsentì immediatamente e poco dopo gli fu inviata un reliquia della Serva di Dio che Mons. Gerard ebbe carissima e strinse a sé fino alla morte.

La devozione verso Carlo e Zita lo portò ad offrire tutte le sue sofferenze e la sua stessa vita per il bene della famiglia ed in modo particolare per la famiglia naturale tanto provata e attaccata da moderne concezioni relativiste e materialiste oltre che da leggi inique che in tanti paesi tendono alla sua disgregazione e all’individualismo egoista, illusoria affermazione della personalità e della libertà.

Tutto è segno per chi crede e la sua morte avvenuta proprio nella domenica dopo Natale, quando la chiesa celebra la Santa Famiglia, per me, non è un caso ma un segno evidente.

La perdita di un amico così caro e prezioso mi riempie di tristezza ma la speranza cristiana ed il modo in cui ha affrontato la malattia e la morte mi riempie di consolazione e di speranza.

Ora che per lui è passata la scena di questo mondo mi piace pensarlo nella pace del risorto e nella compagnia dei servi fedeli che hanno combattuto la buona battaglia e che ci hanno lasciato una credibile testimonianza da cogliere per vivere nella loro medesima direzione, orientati verso la stessa meta.

«Quelli che ci hanno lasciato non sono assenti, sono invisibili, tengono i loro occhi pieni di gloria fissi nei nostri pieni di lacrime». (s. Agostino)

La memoria di Mons. Gerard Mckay rimanga presso di noi in benedizione.

AVVISO.  Le esequie per il defunto mons. Gerard Mckay saranno celebrate a Roma venerdì 4 gennaio alle ore11.00 nella Basilica di San Lorenzo in Damaso. La liturgia sarà presieduta da S.E. Rev.ma il Cardinale Raymond Leo Burke.

CONSACRAZIONE AI TRE SACRI CUORI
Sacro Cuore di Gesù, Cuore Immacolato di Maria, e Cuore Castissimo di San Giuseppe, io vi consacro in questo giorno, la mia mente, le mie parole, il mio corpo, il mio cuore e la mia anima perché la vostra volontà sia fatta attraverso di me in questo giorno. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen.

Intenzioni di preghiera mese di Gennaio 2019

  • Per il Santo Padre il Papa.
  • Per la famiglia cristiana, perché senta la necessità di una continua ricerca della volontà di Dio e della santificazione di tutti i suoi membri secondo la propria vocazione.
  • Signore Gesù, che sei stato presente alle nozze di Cana compiendovi il primo miracolo,
    benedici l’amore che fonda le famiglie affinché esso sia gratuito, casto, fedele, generoso, sia segno del mistero della Trinità e mostri che il significato della Vita umana va ricercato nella sua provenienza dall’Amore e nella sua destinazione ad esso.
  • Perché la famiglia si apra al dono della vita, affinché l’inestimabile valore che essa costituisce sia considerato da tutti come il bene assoluto e primario da difendere, promuovere e sostenere sempre.
  • Per le famiglie in difficoltà, divise, fallite, affinché non venga mai meno l’apertura alla speranza e alla provvidenza, la fiducia e l’attenzione ai figli, spesso vittime innocenti e inconsapevoli dell’egoismo dei grandi.
  • Per la canonizzazione del Beato Carlo


Preghiere per la Canonizzazione del Beato Carlo d’Austria

Si raccomanda in tutte le riunioni di preghiera o personalmente di recitare l’orazione per la glorificazione del Beato Carlo e la preghiera a Maria Signora di tutti i popoli

Preghiere per la Canonizzazione del Beato Carlo d’Austria

Dio Padre Onnipotente, attraverso il Beato Carlo hai dato alla tua Chiesa un esempio completo di vita cristiana.
La sua vita e tutte le sue scelte e azioni, soprattutto in campo politico e familiare, sono state sempre fondate sul Vangelo e sull’insegnamento della dottrina cristiana. Il suo amore per Gesù Eucarestia, cresciuto in tempi di grande incertezza, lo ha portato ad unirsi al sacrificio di Cristo attraverso l’offerta della propria vita, per la salvezza dei suoi popoli, nel costante e fiducioso abbandono alla Beata Vergine Maria.
Il Beato Carlo interceda per tutti i bisognosi quando la malattia, lo scoraggiamento, lo sconforto, la solitudine, l’amarezza e le difficoltà della vita mettono a dura prova. Aiutaci, o Padre, a vedere e seguire il suo esempio. Per la sua intercessione ascolta le nostre suppliche ed accogli le nostre preghiere (enunciare la propria intenzione).
Concedi i segni necessari affinché ne sia riconosciuta la santità, a gloria del Tuo nome e per il bene della Santa Chiesa. (Pater, Ave, Gloria)
Amen.

PREGHIERA A MARIA SIGNORA DI TUTTI I POPOLI

TESTO DELLA PREGHIERA APPROVATA DALLA CONGREGAZIONE PER LA FEDE (2006)

SIGNORE GESÙ CRISTO,
FIGLIO DEL PADRE,
MANDA ORA IL TUO SPIRITO SULLA TERRA.
FA ABITARE LO SPIRITO SANTO
NEI CUORI DI TUTTI I POPOLI,
AFFINCHÉ SIANO PRESERVATI
DALLA CORRUZIONE, DALLE CALAMITÀ
E DALLA GUERRA.


CHE LA SIGNORA DI TUTTI I POPOLI,
LA BEATA VERGINE MARIA,
SIA LA NOSTRA AVVOCATA. AMEN.

Imprimatur: 6/01/2009

Il 31 maggio 2002, il vescovo di Haarlem-Amsterdam, S. E. Mons. Jozeph Marianus Punt, sentendo pareri e ponderando il tutto, ha attestato l’autenticità delle apparizioni della Signora di tutti i Popoli e ha constatato la soprannaturalità delle apparizioni.