Monthly Archives: Novembre 2020

Adorazione Eucaristica

18 novembre 2020   Adorazione Eucaristica questo pomeriggio in S.Corrado. Don Paolo, alla luce del fatto che noi tutti siamo esortati a meditare lungo la settimana le letture liturgiche della domenica, ha riproposto il brano evangelico dei talenti e del loro uso buono e cattivo (domenica scorsa), ricordando come essi simboleggino tutti i doni che da Dio abbiamo ricevuto, a cominciare dalla creazione e poi le doti d’animo, di spirito, d’intelligenza, soprattuitto la Grazia, che dobbiamo ben impiegare per la gloria di Dio, il bene del prossimo, la nostra personale salvezza.

      Il Delegato Dossena ha elevato a nome di tutti le preghiere circostanziali della Gebetsliga (per la caninizzazione del Beato Carlo e per la pandemia) e presentato le intenzioni mensili.

    Abbiamo successivamente partecipato alla S.Messa feriale ordinaria della parrocchia, ove è risuonata la Parola di Dio relativa alla liturgia del giorno, vale a dire la ricorrenza della Dedicazione delle basiliche di S.Pietro e S.Paolo, i due grandi presìdi della Cristianità.

NOVEMBRE 2020

https://www.comunitapastoralemami.it/news/chiesa/beato-carlo-d-austria

Venerdì 20 novembre alle ore 18.00     nella Chiesa di P.zza S.Stefano7 VARESE

S. Messa all’altare del Crocifisso dove è custodita la reliquia del Beato Carlo I

NB: digitando il link sopra indicato (dopo la biografia) si può leggere un recentissimo articolo scritto negli Stati Uniti da Charles Coulomb, autore di una biografia reperibile anche su Amazon (in lingua inglese)


S. Messa all’altare del Beato Carlo

Adorazione Eucaristica nel mese di novembre – invito alle Famiglie

_____________________________________________________________________________



mercoledì 18 novembre – ore 17

                 Chiesa Parrocchiale S.Corrado Confalonieri PC

ADORAZIONE EUCARISTICA

con preghiere e canti e con particolare invito alle Famiglie della parrocchia; presenteremo al Signore le nostre intenzioni di preghiera generali e particolari per tutte le necessità della Chiesa e della nostra società e subito dopo parteciperemo alla S.Messa feriale della parrocchia

Karol Wojtyla. Il suo nome in onore del Beato Carlo di Asburgo

CRACOVIA , 04 novembre, 2020 / 5:30 PM (ACI Stampa).- 

Il 4 novembre è la commemorazione di S. Carlo Borromeo, vescovo. Quel giorno, Karol Wojtyła, poi papa San Giovanni Paolo II. San Carlo Borromeo non fu l’unico Carlo particolarmente importante nella vita del papa polacco. Karol Wojtyła junior aveva ovviamente un padre, Karol senior e molti altri Carlo in famiglia (incluso il cugino di suo padre). Il rapporto tra l’ultimo imperatore d’Austria e il re d’Ungheria, Carlo d’Asburgo, ora beato, con Karol Wojtyla Jr. è un po’ meno noto, e questa è una storia molto interessante.

Rudolf Habsburg, figlio dell’ultimo imperatore d’Austria, re d’Ungheria e Boemia, Carlo d’Asburgo, anni fa ha rivelato nelle sue memorie la confessione di San Giovanni Paolo II sentita per caso durante una delle udienze private. Un rappresentante della famosa famiglia austriaca ha fatto riferimento nei suoi appunti all’incontro della sua famiglia con il papa polacco.

All’udienza hanno preso parte il principe Rodolfo, i suoi figli con le loro famiglie, e soprattutto sua madre l’imperatrice Zyta, ora Serva di Dio. Giovanni Paolo II ha salutato molto calorosamente gli Asburgo e, rivolgendosi a Zita, l’ha definita “la sua imperatrice”. Il Papa non ignorò nemmeno i cortesi inchini della testa all’imperatrice. Ha dedicato molte parole cordiali al suo defunto marito, Carlo I. A un certo punto, il Papa ha pronunciato parole eloquenti e sorprendenti:

“E sapete perché sono stato battezzato con il nome Karol? Perché mio padre aveva una grande ammirazione per l’imperatore Carlo I di cui era soldato”.

Sì, la famiglia Wadowice Wojtyłów dal 1772 al 1918 era all’interno dei confini dell’impero asburgico, e di fatto della  dinastia Asburgo-Lotaringia, la diretta continuatrice della famiglia Asburgica. Per riguardo della Lotaringia, abbiamo quindi un certo rapporto con Carlo I, o meglio della sua dinastia, con la Francia. In generale, la Małopolska meridionale contiene ancora molti ricordi del passato austriaco. La Małopolska è soprattutto una regione particolarmente associata a Papa Giovanni Paolo II. Lo ricorda, ad esempio, il servizio Małopolska della celebrazione del centenario della nascita di Giovanni Paolo II, santojp2.pl.

Vale anche la pena aggiungere che il secondo nome del papa polacco – Józef – a sua volta si riferiva molto probabilmente al predecessore di Carlo I, fratello di suo nonno – Franz Józef I.

È interessante notare che l’ultimo beato portato agli altari da Giovanni Paolo II fu Carlo I d’Asburgo. Era il 3 ottobre 2004 in piazza S. Pietro. Memoria liturgica del Beato. Carlo si celebra il 21 ottobre.

Perché l’arciduca, e poi l’imperatore Carlo, nato il 17 agosto 1887, meritava di essere incluso tra i beati?

Prima che Carlo diventasse l’ultima testa coronata nello stato austro-ungarico, non c’era quasi alcuna indicazione che ciò sarebbe accaduto. L’elenco dei pretendenti al trono era lungo, considerando anche il fatto che il regno di Francesco Giuseppe I fu molto lungo. Carlo non era affatto in cima a quella lista. È sorprendente che durante l’incontro della futura moglie di Carlo, la principessa Zita, con Papa Pio X, oggi santo, siano caduti dalle labbra del successore di S. Pietro le parole profetiche secondo cui Carlo sarebbe succeduto al fratello di suo nonno; doveva essere una ricompensa per l’Austria da parte di Dio.

L’arciduca Carlo e Zyta si sposarono nell’ottobre 1911 e nel 1915, su iniziativa del futuro imperatore austriaco e re d’Ungheria, fecero un pellegrinaggio al più grande santuario dell’Austria a Mariazell. Carlo era un grande devoto della Madre di Dio.

Nel novembre 1916 terminò il regno di Francesco Giuseppe I e Carlo prese il potere. Ciò che sembrava impossibile è diventato un dato di fatto.

Il giovane sovrano ha intrapreso molte iniziative per portare la pace e porre fine alla prima guerra mondiale in corso. la pace divenne per lui una priorità. I fallimenti dell’Austria-Ungheria e della Prussia al fronte annunciarono il crollo del mondo precedentemente conosciuto. Lo stato di Carlo I stava cadendo in declino e il monarca stesso dovette lasciare presto la sua patria. Molti storici non hanno dubbi sul fatto che, a causa di circostanze sfortunate, molte iniziative interessanti dell’Imperatore Carlo furono vane.

Quanto all’atteggiamento dell’ultimo imperatore d’Austria verso la Polonia, bisogna ammettere che ha subito un’evoluzione. Già nell’aprile 1912 l’arciduca Carlo con la moglie Zyta Bourbon-Parmeńska (che, come si può vedere, aveva legami dinastici con la Francia) arrivò a Kolomyia in Galizia, dove da quel momento in poi sarebbe stato di stanza il reggimento dei dragoni austriaci. In Polonia, la principessa Zyta stava aspettando la nascita del suo primo figlio.

La rinascita dello Stato polacco è stato solo un atto di giustizia, perché non c’è nazione più patriottica della nazione polacca, e nella storia non c’è stata ingiustizia più grande delle partizioni della Polonia.

Carlo fece dei tentativi per tornare al trono ungherese, ma non portarono i risultati sperati, anche perché gli Asburgo non volevano permettere che venisse versato sangue innocente. È stato costretto ad abdicare, ma citando le sue promesse di incoronazione, si è rifiutato di accettare.

Alla fine, l’ex sovrano dovette andare a Madeira, un’isola portoghese nell’Atlantico. Nonostante la sua giovane età, la sua salute peggiorò così tanto che lo stesso Carlo non ebbe dubbi sul fatto che doveva prepararsi alla morte. Ha sofferto molto. Ha consapevolmente offerto tutti gli inconvenienti per buone intenzioni, anche per i suoi ex sudditi. Ogni giorno a letto, Karol ascoltava la Santa Messa. e ha ricevuto la Santa Comunione Pregava spesso con sua moglie.

 Le ultime parole dell’ex imperatore d’Austria furono:

Che la tua volontà sia fatta. Gesù! Gesù!

L’ultimo imperatore d’Austria morì il 1 aprile 1922.

L’Austria-Ungheria è un’entità statale che evoca sentimenti ambivalenti nei polacchi fino ad oggi. Da un lato, i vantaggi della cosiddetta autonomia galiziana, ma d’altra parte la politica di spartizione del grande potere e la partecipazione alle partizioni.

Sfortunatamente, di solito si parla poco dell’ultimo imperatore Carlo I e semmai gli oratori o gli scrittori si riferiscono ad aneddoti calunniosi. Nel frattempo, come risulta dal breve schema biografico di cui sopra, il monarca aveva molti vantaggi e, soprattutto nell’ultimo periodo del suo regno e della sua vita, era molto amichevole nei confronti della Polonia. Certamente non pensava che anni dopo Karol Wojtyla, che aveva meno di due anni al momento della sua morte, lo avrebbe elevato agli altari.

Vale la pena ricordare che il miracolo necessario per proclamare Carlo I beato è avvenuto su … una suora polacca. Si tratta quindi di un altro filo conduttore polacco nel contesto della persona dell’ultimo imperatore d’Austria. Si tratta di suor Maria Zyta Gradowska. Nata nel 1894, all’età di 25 anni, una donna polacca entra a far parte della Congregazione delle Suore della Carità (nota bene proveniente dalla Francia). Presto divenne missionaria in Brasile. Nel corso del tempo, la sua salute è peggiorata, portando anche al fatto che la suora non poteva più alzarsi dal letto. Una delle suore le consigliò di pregare per intercessione del Servo di Dio Carlo Asburgo, che aveva bisogno di un miracolo per proclamarlo beato. La Lega di Preghiera ha inviato preghiere per la causa austriaca. La sorella inizialmente resistette a pregare l’imperatore, ma si ruppe quando il dolore divenne sempre più difficile da sopportare.

Una mattina, la sorella Gradowska si alzò come se niente fosse e andò semplicemente in cappella per la preghiera. Non solo il dolore lancinante era scomparso, ma anche le ferite che non si rimarginavano sulle gambe erano completamente scomparse. La suora visse un totale di 95 anni e soffrì di ca. 20 finché la malattia inspiegabilmente scomparve completamente e non tornò mai più. Carlo è intervenuto con successo per una suora che, per inciso, prende il nome da sua moglie.

Vale quindi la pena ricordare l’ultimo imperatore d’Austria non solo in occasione del 4 novembre e dell’onomastico del Papa polacco. Questo personaggio lo merita decisamente.

fonte: https://www.acistampa.com/story/karol-wojtyla-il-suo-nome-in-onore-del-beato-carlo-di-asburgo-15448

Ferrara — novembre/dicembre 2020

Cari Amici del beato Carlo,
il perdurare della situazione sanitaria e delle conseguenti misure restrittive ci mantiene in uno stato di incertezza che ci impedisce di fissare una data per il nostro incontro mensile.
Ma non ci impedisce certamente di rivolgerci al Signore tramite la intercessione del beato Carlo e di pregare per la sua canonizzazione. Vi invito quindi a recitare ogni giorno la preghiera che riporto in ogni mia comunicazione e a visitare il sito www.beatocarloinitalia.it dove potrete iscrivervi e consultare online la newsletter mensile del delegato nazionale mons. Arnaldo Morandi.